A tutti è successo di dover calcolare online il proprio Codice Fiscale perché non si ha a disposizione la tessera sanitaria mandata dall’Agenzia delle Entrate. Ma si può anche provare a ricavare i dati con il procedimento inverso. Si tratta del calcolo del Codice Fiscale Inverso: scopriamolo.

Il Codice Fiscale Inverso è la procedura che consente, attraverso l’utilizzo di una utility di fare la decodifica della sua struttura a sedici caratteri, al fine di estrarne i dati anagrafici del titolare. Basta partire dal Codice Fiscale in nostro possesso, l’algoritmo dell’app web consente di ricavare tre lettere del nome, tre lettere del cognome, la data di nascita il comune e sesso.

Come si calcola

Per capire come calcolare il Codice Fiscale Inverso adesso mettiamo un esempio, si parte dal codice fiscale. Utilizzando l’apposito servizio online devi digitare all’interno di una apposita barra il Codice Fiscale e vai a cliccare sul pulsante di verifica del codice. In questo caso il sistema elabora i seguenti dati:

  • Tre lettere del nome (la prima, terza, quinta lettera);
  • Primi numeri del codice corrispondenti all’anno di nascita;
  • Lettera del mese di nascita in seguito alla tabella stabilita dal D.M. n. 2227/1974;
  • Numeri corrispondenti al giorno di nascita, ma per il sesso femminile, il sistema va ad aumentare la data di quaranta unità;
  • Poi ci saranno 4 cifre, che corrispondono al codice comune;

Per cui, l’algoritmo dell’utility prende in considerazione tutta la struttura che determina il Codice Fiscale delle persone fisiche, ed è stabilita nel D.M. n. 2227/1974 dall’articolo 2 all’articolo 5:

  • all’art. 2 è stabilito che, a differenza di tutti i soggetti giuridici, il codice fiscale di tutte le persone fisiche è un’espressione alfanumerica che si compone di sedici cifre.
  • all’art.3 sono stabiliti i caratteri indicativi del cognome. I cognomi che sono composti da più parti sono considerati come una sola parte prendendo la prima, la seconda e la terza consonante. Per quanto riguarda i soggetti di sesso femminile coniugati è preso in considerazione solo il loro cognome da nubile.
  • all’art.4 si stabiliscono i caratteri indicativi del nome e si afferma che, come nel caso del cognome, i nomi che sono composti vengono considerati come unica successione di lettere e in genere i tre caratteri rilevati sono: prima, la terza e la quarta consonante.
  • all’art.5 è stabilita la modalità di codifica della data, sesso e luogo di nascita. Per ciò che riguarda il mese di nascita, questo è riscontrabile al nono carattere con una lettera che corrispondo al mese secondo la tabella: gennaio, B febbraio, C marzo, D aprile, E maggio, H giugno, L luglio, M agosto, P settembre, R ottobre, S novembre, T dicembre;
  • Il giorno di nascita, che si riscontra al decimo e undicesimo carattere, per i maschi è invariato, mentre per le donne fa riferimento al giorno effettivo più quaranta unità.
  • L’anno di nascita, che si riscontra al settimo e ottavo carattere del codice, è quello che coincide con l’anno effettivo della nascita, non subisce nessuna alterazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.